Meiji-jingu Shrine | Cosa fare e vedere a Tokyo
Giappone

Cosa vedere a Tokyo: sarà facile innamorarsi della città e dei suoi dintorni

Il primo impatto con Tokyo, la più moderna metropoli del mondo, è in grado di disorientare anche i viaggiatori più incalliti con le sue luci sfavillanti, con i suoi grattacieli e con gli scorci che custodiscono ancora le tracce della tradizione millenaria di questo popolo.
Tokyo e dintorni sono davvero il miglior biglietto da visita per iniziare ad esplorare il Giappone e provare ad entrare in sintonia con questo strepitoso Paese ma decisamente distante dal nostro modo di vivere!

Se anche tu vuoi includere queste città nel tuo itinerario di viaggio di 15 giorni in Giappone, ecco i nostri appunti di viaggio per farti scoprire cosa vedere a Tokyo, a Kamakura e a Nikko.


  • Periodo: Agosto
  • Durata: 5 giorni

Questo itinerario alla scoperta di TOKYO, KAMAKURA e NIKKO è il nostro personale suggerimento se sei un viaggiatore al quale piace esplorare il mondo affidandosi alla VISTA, al GUSTO, all’OLFATTO e cercando attraverso il TATTO una CONNESSIONE CON IL LUOGO.

Scopri le nostre valutazioni!

🌎🌎🌎🌎🌎

VISTA

🌎🌎🌎🌎🌎

GUSTO

🌎🌎🌎🌎

OLFATTO

🌎🌎🌎🌎

TATTO | CONNESSIONE COL LUOGO

🌎🌎🌎

UDITO


 


GIORNO 1: Cosa vedere a Tokyo

Il primo impatto

La coda scorrevole e ordinata, secondo gli standard giapponesi, ci conduce finalmente all’ultimo step: il timbro raffigurante il maestoso Monte Fuji è finalmente impresso sul nostro passaporto.
Questo significa che il VIAGGIO può davvero iniziare!

Iniziamo a prendere subito confidenza con il perfetto servizio di trasporti giapponesi salendo a bordo dello Skyliner, treno della Keisei Line, che in poco più di 40’ ci conduce alla Keisei Ueno Station.
Dalla stazione ci muoviamo rapidamente alla ricerca dell’hotel che per qualche giorno diverrà il nostro campo base.
Sbrigate tutte le formalità e preso possesso delle nostre piccolissime stanze, decidiamo di immergerci immediatamente tra le luci della Tokyo by night!
Cena rigorosamente a base di sushi e poi via tra i vicoli di Ueno con il naso all’insù, la bocca spalancata per l’emozione e la macchina fotografica sempre a portata di mano per immortalare le prime istantanee di questo meraviglioso paese.

Cosa vedere a Tokyo Giappone: Ueno By Night
Ueno By Night
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Ueno By Night
Ueno By Night

GIORNO 2: I quartieri di Tokyo

Ueno

Anticipiamo di gran lunga la sveglia e ci fiondiamo immediatamente fuori dall’albergo. L’orologio segna solo le 7.45 ma la temperatura esterna e, soprattutto, il tasso di umidità ci danno già il loro caloroso e appiccicoso benvenuto; ora capiamo perché la Pina, nel suo libro I Love Tokyo, consiglia di andare in giro con liquidi sempre a porta di mano e graziosissimi asciugamani per combattere il “gocciolamento” generale!

 
 

La prima vera giornata in quel di Tokyo prevede un menù davvero molto ricco ed intenso.
Una rapida colazione in uno dei tantissimi konbini e via di corsa a zonzo per il quartiere di Ueno tra santuari, parchi e templi per compiere un giro alla scoperta di una delle poche zone ancora con un forte legame alle tradizioni e al passato della città.

Cosa vedere a Tokyo Giappone: Ueno Station
Ueno Station
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Ueno Park
Ueno Park
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Ueno Park
Ueno Park
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Toshogu Shrine
Toshogu Shrine
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Benzaiten Temple
Benzaiten Temple
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Benzaiten Temple
Benzaiten Temple
 

Omotesando e Takeshita Street

Le vetrine di Omotesando, l’elegante strada alberata dello shopping situata tra Shibuya e Minato con famose boutique e centri commerciali dove, tra tutti, risaltano gli psichedelici giochi di specchi della Tokyu Plaza ad Harajuku nella quale trovare i più famosi marchi della moda, ristoranti, café ed un sorprendente giardino sul tetto chiamato Omohara Forest da cui ammirare il quartiere dall’alto.

Cosa vedere a Tokyo Giappone: Omotesando
Omotesando
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Omotesando
Omotesando
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Tokyu Plaza Harajuku
Tokyu Plaza | Harajuku

Lo struscio tra i negozietti di Takeshita Street, via pedonale più famosa di Tokyo e centro fondamentale per la moda giovanile con locali dove poter mangiare e ballare fino a tarda notte, mescolandosi tra migliaia di local e turisti.

Cosa vedere a Tokyo Giappone: Takeshita Street
Takeshita Street
 

Meiji-jingu Shrine

Lasciarsi cullare dalla tranquillità del parco Yoyogi antistante il Meiji-jingu Shrine, il più grande santuario scintoista nel cuore della città con migliaia di alberi; passeggiare tra ragazze in kimono, torii in legno di cipresso giapponese, botti di vino e di sakè, donate da produttori locali e internazionali, ed imbattersi in un tradizionale matrimonio giapponese è davvero un’esperienza unica [Fatto!!!].

Cosa vedere a Tokyo Giappone: Meiji-jingu Shrine
Meiji-jingu Shrine
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Meiji-jingu Shrine
Meiji-jingu Shrine
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Matrimonio al Meiji-jingu Shrine
Matrimonio al Meiji-jingu Shrine
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Matrimonio al Meiji-jingu Shrine
Matrimonio al Meiji-jingu Shrine
 

Shibuya

Partire alla scoperta della statua di Hachiko, il celebre cane che dopo la morte del suo padrone, ha atteso invano il suo ritorno davanti alla stazione di Shibuya aspettandolo ogni giorno per quasi dieci anni e per questo divenuto simbolo di fedeltà.
L’8 aprile è stata istituita giornata nazionale in suo omaggio e se volete una curiosità in più, all’interno dell’Università Imperiale di Tokyo, è presente una statua che lo raffigura felice con il suo padrone poiché quest’ultimo lavorava nell’ateneo come professore di ingegneria agricola.

Cosa vedere a Tokyo Giappone: Statua Hachiko
Statua Hachiko

Alla ricerca della migliore inquadratura per immortalare il famosissimo Shibuya Crossing, l’attraversamento pedonale più trafficato al mondo e noto per la particolarità di permettere lo spostamento di centinaia di persone in qualsiasi direzione anche obliqua.
Nelle ore di punta si calcola che durante i 55” di semaforo verde l’incrocio possa essere attraversato da 2.500 persone contemporaneamente.

Cosa vedere a Tokyo Giappone: Shibuya Crossing
Shibuya Crossing
 

Shinjuku

Ammirare Tokyo dall’alto attraverso le imponenti vetrate del Tokyo Metropolitan Government Office Building grazie ad un tour gratuitamente accessibile al pubblico; l’edificio con i suoi due punti di osservazione situati all’altezza di circa 200 metri [45° piano] permette di scoprire un meraviglioso panorama a 360° della città.

Cosa vedere a  Tokyo Giappone: Tokyo Metropolitan Government Office Building
Tokyo Metropolitan Government Office Building

Perdersi tra i colori e le luci di Shinjuku al calar del sole; questo sfolgorante quartiere è noto infatti per la sua vita notturna e per la varietà di locali e ristoranti frequentati non solo da turisti ma anche dalla popolazione locale e contribuisce ad arricchire la notorietà della capitale come città avente il maggior numero di luci neon al mondo.

 
 
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Shinjuku
Shinjuku

Con la pancia piena e gli occhi stracolmi di immagini, ci lasciamo cadere in un sonno profondissimo consapevoli di aver avuto un folgorante colpo di fulmine, in poco più di 36 ore di permanenza in territorio nipponico.



GIORNO 3: Cosa vedere a Tokyo

Asakusa

La nebbia che avvolge quasi totalmente la Tokyo Tower è la prima immagina con la quale ci si presenta il quartiere di Asakusa, zona che mantiene ancora i tratti caratteristici del Giappone classico.

La prima tappa ci porta difronte al Kaminarimon [La porta del tuono] e alla sua immensa lanterna rossa, set fotografico perfetto per i moltissimi turisti già in coda di prima mattina per scattare la miglior foto da postare su Instagram.

Dopo qualche foto di rito la nostra attenzione viene catturata dai molteplici negozietti che adornano la Nakamise Dori, la strada che collega il Kaminarimon al Senso-ji Temple.
I proprietari delle bancarelle cominciano un lento e ordinato rituale per esporre i loro prodotti: una ricca selezione di dolcetti, pupazzetti e souvenir capaci di attirare e conquistare i turisti provenienti da tutto il mondo.

Ci stacchiamo velocemente dal gruppo per fermarci davanti al bellissimo temizuya e ammirare la gestualità dei fedeli che si accingono ad eseguire il rito della purificazione che precede l’inchino difronte all’altare.

Cosa vedere a Tokyo Giappone: Kaminarimon
Kaminarimon
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Tokyo Tower
Tokyo Tower
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Nakamise Dori
Nakamise Dori
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Senso-ji Temple
Senso-ji Temple

Questo luogo di culto porta con se un significato molto profondo per il popolo del Sol Levante: il tempio, infatti, fu ricostruito dopo i bombardamenti devastanti della Seconda Guerra Mondiale, e rappresenta per tutti i giapponesi un simbolo di pace e di rinascita.

Lasciato il tempio e il suo misticismo, proseguiamo la nostra visita in direzione di due vie dello shopping: Shin-Nakamise Dori e Kappabashi Dori, quest’ultima famosa per essere considerata il paradiso degli utensili da cucina e delle riproduzioni in cera delle pietanze esposte all’esterno di gran parte dei ristoranti.

 

Tsukiji Nippon Fish Port Market

Ma il top della giornata lo raggiungiamo facendo tappa al Tsukiji Nippon Fish Port Market, il mercato del pesce di Tokyo [All’epoca della mia visita era ancora ubicato nella storica sede].
In questo luogo i nostri 5 sensi sono stati letteralmente presi a schiaffi: come di fronte ad opere d’arte di straordinaria bellezza, siamo stati colpiti dalla Sindrome di Stendhal davanti ai profumi, ai sapori e ai colori della merce esposta in questo susseguirsi di bancarelle e ristoranti!

Cosa vedere a Tokyo Giappone: Tsukiji Fish Market
Tsukiji Fish Market
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Tsukiji Fish Market
Tsukiji Fish Market
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Tsukiji Fish Market
Tsukiji Fish Market
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Tsukiji Fish Market
Tsukiji Fish Market

Ostriche giganti, tranci di tonno rosso, pietanze dai colori sgargianti e dalla forme a noi sconosciute, pomodori adagiati in retine protettive e mille altre golosità e stranezze da far perdere la testa!
Sushi freschissimo e te verde caldissimo, compongono l’accoppiata vincente che in bocca si trasforma in un’esplosione di gusti e sapori.

Recuperate un po’ di energie, ci prepariamo all’ennesimo tour de force che ci porterà a visitare in sequenza:
* Akihabara
* Ginza
* Roppongi

 

Akihabara

Akihabara [Conosciuta anche come Akihabara Electric Town] è soprattutto famosa per l’alta concentrazioni di negozi che vendono apparecchi elettronici, videogiochi, articoli per adulti, anime, costumi per il cosplay, manga e action figure che attraversano davvero parecchie epoche!
Qui si può trovare davvero di tutto: dai manga di ultima generazione fino ad arrivare, facendo un viaggio a ritroso nel tempo, ai grandi classici giapponesi; dai piccoli negozi specializzati, che stipano tutto in una sola stanza, fino al rinomato Mandrake, una mecca multipiano per gli amanti del genere!

Cosa vedere a Tokyo Giappone: Akihabara
Akihabara
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Akihabara
Akihabara
 

Ginza

Ginza, il cui nome deriva da gin (argento) in quanto in quest’area venne stabilita la zecca del conio dell’argento durante il Periodo Edo, è uno dei quartieri più importanti per quello che concerne le attività legate al lusso: boutique, cocktail bar, sushi bar tutti di altissimo livello costellano questa zona molto chic, che durante il fine settimana diventa un’enorme ed elegante zona pedonale con la chiusura al traffico la Chuo Dori, la via principale di Ginza.

Cosa vedere a Tokyo Giappone: Ginza Station
Ginza Station
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Palazzo Imperiale
Palazzo Imperiale
 

Roppongi

Roppongi, che significa letteralmente “sei alberi”, è un quartiere molto animato grazie soprattutto ai suoi bar e club aperti fino a tarda notte.
Se di notte il quartiere è frequentato da numerosi turisti che si accalcano nei vari night club, hostess club, ristoranti e bar, una volta quasi totalmente gestiti dalla Yakuza (la mafia giapponese), durante il giorno il quartiere è particolarmente noto per l’osservatorio, per le boutique alla moda e per il Mori Art Museum, che ospita mostre di opere internazionali di arte contemporanea ubicato negli ultimi sei piani della Mori Tower.

Ai piedi di questo palazzo di 54 piani, che troneggia sul complesso del Roppongi Hills, è possibile vedere un altro simbolo di questo quartiere: il ragno “Maman”, una scultura in bronzo e acciaio dell’artista Louise Bourgeois.

Cosa vedere a Tokyo Giappone: Ragno Maman
Ragno Maman
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Roppongi Hills
Roppongi Hills

Voltato lo sguardo l’obiettivo della macchina fotografica non può non soffermarsi sulle molte statue raffiguranti il simpaticissimo Doraemon.
Sarà impossibile non provare ad immortalarle tutte!!!

Cosa vedere a Tokyo Giappone: Doraemon
Doraemon
Cosa vedere a Tokyo Giappone: Doraemon
Doraemon

A conclusione del nostro girovagare per il quartiere, dopo un ottimo RamenAkamaru Special consumato da Ippudo, si parte alla ricerca della panchina “The Ark”, disegnata da Andrea Branzi il papà della già citata Pina, godendoci ancora per qualche minuto le sfavillanti luci di una città che di notte diventa ancora più intrigante.


GIORNO 4: Cosa vedere a Tokyo e nei suoi dintorni

Kamakura

Dopo una full-immersion tra i grattacieli, le luci e il traffico di Tokyo decidiamo di partire alla scoperta della meravigliosa Kamakura, città capace di lasciare il segno grazie alla bellezza dei suoi templi, alla sensazione di tranquillità che si respira e, soprattutto, al Kamakura Matcha Cheese In Baum di Hachi Coffee & Sweets!
Il dolce più buono che io abbia mai provato in vita mia!!! Fate attenzione perché potrebbe creare dipendenza!!!

Giunti a destinazione ci sentiamo catapultati davvero in un’altra dimensione!
Tutto intorno la natura si rivela in tutta la sua bellezza e i templi, adagiati in questo paesaggio meraviglioso, sprigionano tutta la loro spiritualità.
Mi sgancio dal gruppo per passeggiare in totale solitudine e incamerare, il più possibile, l’energia che si respira in questo luogo.
Nonostante il caldo e l’umidità agostana decido di salire fino all’Hansōbō Shrine prendendo il sentiero che, partendo dal tempio Kenchō-ji, conduce fino a questo monastero dove tutta la fatica è assolutamente ripagata dalla vista e dalla tranquillità del luogo.

Cosa vedere a Kamakura: Engaku-ji
Engaku-ji
Cosa vedere a Kamakura: Kenchō-ji
Kenchō-ji

I Karasu-tengu, creature fantastiche dell’iconografia popolare giapponese generalmente rappresentati come uomini-uccello, dotati di un lungo naso prominente o addirittura di becco, posti in cima al sentiero mi danno il loro personalissimo benvenuto al termine di questa camminata.

Sulla sommità dello shrine c’è una piccola balconata dalla quale poter osservare  il maestoso Monte Fuji.
Nel periodo estivo, tuttavia, la cappa di umidità che avvolge quest’area non consente di ammirare uno dei simboli più famosi del Giappone.

Cosa vedere a Kamakura: Karasu Tengu Kenchō-ji
Karasu Tengu | Kenchō-ji
Cosa vedere a Kamakura: Panorama "vista" Monte Fuji
Panorama “vista” Monte Fuji

Ci ricongiungiamo al gruppo e insieme ci muoviamo in direzione del Tsurugaoka Hachiman-gū, il più importante santuario della città.
Il santuario è costituito da vari templi posti su due livelli diversi comunicanti tramite varie scalinate e si può raggiungere attraverso un lunghissimo viale, lungo ben 1.8 km, che conduce fino all’oceano.

Per una pausa rifocillante decidiamo di esplorare la Komachi Street una via, posta tra la stazione di Kamakura e il santuario shintoista, dove si alternano negozi tipici e bancarelle dove assaggiare delle vere prelibatezze!

Lasciamo per ultimo il “pezzo forte” della gita a Kamakura: il Buddha Daibutsu conservato nel tempio di Kōtoku-in.
Si tratta di una statua monumentale [13,35 metri di altezza e circa 93 tonnellate di peso] in bronzo di Amida Buddha, una delle più famose icone del Giappone, seconda solo a quella conservata a Nara.

Cosa vedere a Kamakura: Buddha Daibutsu
Buddha Daibutsu
Cosa vedere a Kamakura: Buddha Daibutsu
Buddha Daibutsu
 

Tokyo: Odaiba

Dopo aver visitato anche l’interno della statua, il “gruppo vacanze” si compatta per far rientro a “casa base”.
Prima di tornare in albergo decidiamo di fare un ultima deviazione a bordo della Yurikamome verso Odaiba, la grande isola artificiale nella baia di Tokyo.
Una fastidiosa pioggerellina inizia ad inzuppare i nostri vestiti ma decidiamo ugualmente di rimanere in loco per assistere allo spettacolo che ha per protagonista il mastodontico Gundam!!!

Ci lasciamo ammaliare dal Rainbow Bridge, dallo skyline di Tokyo e, naturalmente, dalla Statua Della Libertà che si staglia dietro la scritta LOVE, presa d’assalto da innamorati di tutto il mondo!

Con le gambe stanche e le ossa zuppe d’acqua facciamo ritorno a Ueno, dove ci aspetta una bella dormita ristoratrice in vista delle prossime tappe!

Cosa vedere a Tokyo: Gundam [Odaiba]
Gundam | Odaiba
Cosa vedere a Tokyo: Statua Della Libertà & Rainbow Bridge [Odaiba]
Statua Della Libertà & Rainbow Bridge | Odaiba

GIORNO 5: Cosa vedere a Nikko

Nikko

Purtroppo la fitta pioggerellina della sera precedente, continua a seguire i nostri spostamenti come la classica nuvola di Fantozzi.
La giornata interamente dedicata alla scoperta di Nikko sarà, per nostra fortuna, la prima ed ultima giornata “bagnata” in terra nipponica.

Si preannuncia però una giornata davvero molto impegnativa!!!
Metti il k-way; togli il k-way.
Metti il copri zaino; togli il copri zaino.
Tira fuori la macchina fotografica; metti via la macchina fotografica.
Ogni scusa diventa buona per fermarsi alla ricerca di un riparo senza, tuttavia, perdersi nemmeno uno scorcio della meraviglia che ci circonda!

Cosa vedere a Nikko: Temizuya
Temizuya
Cosa vedere a Nikko: Around Nikko
Around Nikko
Cosa vedere a Nikko: Around Nikko
Around Nikko
Cosa vedere a Nikko: Taiyuin Temple
Taiyuin Temple

Di comune accordo decidiamo di visitare in il Futurasan-jinja, il Taiyūin-byō, il Tōshō-gu Shrine con la rappresentazione delle tre scimmie [Mizaru: scimmia che non vede il male; Kikazaru: scimmia che non sente il male; Iwazaru: scimmia che non parla del male], il mausoleo di Tokugawa Ieyasu e il Ponte Shinkyo [Ponte Sacro], il famosissimo ponte rosso di Nikko.

Cosa vedere a Nikko: Toshogu Shrine
Toshogu Shrine
Cosa vedere a Nikko: Shinkyo Bridge
Shinkyo Bridge
Cosa vedere a Nikko: Shinkyo Bridge
Shinkyo Bridge
Cosa vedere a Nikko: Shinkyo Bridge
Shinkyo Bridge

La stanchezza e l’ostilità della pioggerellina battente prendono il sopravvento.
Decidiamo quindi di far ritorno a Tokyo, città che per l’ultima volta si mostrerà ai nostri occhi in tutta la sua bellezza.


  • POSSIAMO CONSIGLIARTI ALTRE LETTURE?

Con questo articolo ti abbiamo mostrato le cosa vedere a Tokyo in tre giorni abbinando una toccata e fuga di un giorno a Kamakura e Nikko ma se vuoi conoscere meglio questo Paese ecco altri post che possono utili per:


Questo articolo contiene delle affiliazioni.
Ti suggeriamo solo esperienze selezionate che derivano da partner affidabili.
Se clicchi su uno di questi link, noi riceveremo una piccola commissione, mentre per te non ci sarà alcun costo aggiuntivo!


Hai trovato utile questo racconto di viaggio? Condividilo con i tuoi amici!
Interagisci con noi lasciando un tuo commento!
Per rimanere sempre aggiornato vienici a trovare su Instagram e su Facebook!


Ultimo aggiornamento: 29 ottobre 2020

2 commenti

  • Anna

    Sono stata in Giappone nel 2014, in pieno inverno. Mi è rimasto nel cuore questo paese cosi particolare e da allora sogno di tornarci in primavera per continuare ad esplorarlo.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *