L'Ospite In Valigia: Giulia Tripandclean Cala Brandinchi Sardegna Italia
L'Ospite In Valigia

L’ospite in valigia – A tu per tu con Tripandclean

Alla base di questa rubrica c’è sempre stata la voglia di approfondire la conoscenza con chi aveva, in un modo o nell’altro, attirato la nostra attenzione.
Giulia di TRIPANDCLEAN, anche lei conosciuta su Instagram, ci ha da subito incuriosito con le sue foto accattivanti e con il suo impegno costante in favore dell’ambiente; piccoli gesti compiuti nella vita di tutti i giorni e ripetuti a maggior ragione in viaggio.

Le abbiamo chiesto di raccontarsi e di portarci alla scoperta dello Sri Lanka e dell’Australia.

Ringraziamo Giulia per la sua disponibilità e ti invitiamo a visitare il suo blog e i suoi profili social!

Intervista a Tripandclean

Ci racconteresti cosa possiamo trovare nel tuo blog e, soprattutto, ci parleresti un po’ di te e della tua idea di viaggio?

Ciao ragazzi, innanzitutto grazie mille per avermi intervistata.
Non pensavo l’avrebbe mai fatto qualcuno. So’ soddisfazioni 🙂.
Cretinate a parte, inizierei subito col dire il perché della nascita del mio blog, il milionesimo del web, forse.
In realtà tutto prende vita dalla mia necessità di volere mettere nero su bianco i miei ricordi di viaggio.
Una sorta di diario digitale dei momenti che considero più belli e rilevanti, che sarà lì a tenerne memoria.

Su Tripandclean troverete i miei racconti di viaggio abbinati ad un aspetto per me fondamentale: il rispetto per l’ambiente.
Ci sarà il mio racconto delle grandi o piccole rivoluzioni ambientali [O degli scempi] dei posti in cui mi trovo.
Leggerete, ad esempio, del mio itinerario in Giappone ma anche di come si fa lì la raccolta differenziata; oppure dello Sri Lanka e della pratica devastante del dare alle fiamme la plastica sulle spiagge.
Insomma troverete l’amore che nutro per questo mondo declinata nelle mie due più grandi passioni: viaggiare, perché mi fa sentire viva e appagata, e poi il prendermi cura, nel mio piccolo, dell’ambiente.

Come mai proprio Tripandclean, qualcuno [Chi?] potrebbe domandarsi? Non perché sia una malata di pulizie, ma perché semplicemente mi diletto spesso, frantumando i maroni anche alle persone che sono con me, nel raccogliere l’immondizia nei luoghi che visito.
Penso che viaggiare sia anche darsi da fare in questo senso, provare a restituire la bellezza di un luogo fatta appassire da persone non curanti dei danni che si stanno arrecando.
In questo senso, noi viaggiatori possiamo fare molto, possiamo fare la differenza.
Ne sono convinta.

L'Ospite In Valigia: Giulia Tripandclean Stato del Victoria Australia
Stato Del Victoria [Australia]

Tra gli itinerari descritti su Tripandclean c’è lo Sri lanka: hai voglia d portarci con te alla scoperta di questo Paese raccontandoci qualche curiosità, qualche aneddoto e, soprattutto, descrivendo dei must da fare e vedere assolutamente.

Sri Lanka per me sono le persone che ho conosciuto, gentili, semplici e con un sorriso disarmante.
Lo ricordo ovunque quel sorriso, stampato sulla faccia dei bambini, degli anziani e di quelle donne dagli abiti colorati.
Questo Paese mi ha colpito per la sua natura, per la sua varietà [Bellissimi templi, mare e colline] e per il verde delle piantagioni da tè, infinite e rigogliose.
A riguardo, però, bisogna ricordare che in quelle piantagioni, a raccogliere le foglie, lavorano donne il cui salario è da fame e con ritmi estenuanti.
Mi chiedo perché dietro tanta bellezza debba esserci sempre tanta ingiustizia.

Il fiore all’occhiello di quest’isola è Sigiriya, un’incredibile formazione rocciosa che si staglia sulle pianure dell’isola sulla cui sommità si trovano le rovine di un’antica civiltà.
Il panorama, una volta saliti su, è pazzesco.
Insomma un Paese ricco di bellezza che spero riuscirà a conservare la sua autenticità anche con l’arrivo del turismo di massa.

Dal punto di vista ambientale, come già accennato nella prima domanda, ho un ricordo un po’ triste. Nelle spiagge cumuli di plastica, accatastati e nascosti alla buona, sono dati alle fiamme.
Lo smaltimento dei rifiuti probabilmente qui funziona così, figuriamoci pensare di fare la raccolta differenziata.
Forse, per una mancanza di cultura ambientale o semplicemente per una carenza di leggi che ne regolamentino l’iter, gli stessi abitanti del luogo non si rendono conto di quello che stanno facendo alla loro casa.
È un disastro ambientale nonché una pratica tristemente diffusa in molti Paesi del sud-est asiatico.

Lo Sri Lanka è infine l’isola in cui ho dovuto fare i conti con la mia più grande fobia: i topi.
Nella nostra camera avevamo una simpaticissima famigliola di roditori che non intendeva levarsi dai c……i 🔞.
Insomma ho passato delle notti da incubo che poi in qualche modo ho superato [Non vi svelo come, andate a leggervi l’articolo!].
Non ho invece superato la mia fobia ma, vi giuro, ci sto lavorando.

L'Ospite In Valigia: Giulia Tripandclean Sigiriya Sri Lanka
Sigiriya [Sri Lanka]

Nel periodo di massima espansione del Covid tu eri letteralmente dall’altra parte del mondo. Ci potresti raccontare come hai vissuto questa esperienza e a cosa hai dovuto rinunciare a causa di questa pandemia?

Sì, mentre in Italia scoppiava la pandemia io mi trovavo in Australia.
Il mio viaggio era iniziato a metà febbraio in Thailandia, quando ancora la situazione era abbastanza tranquilla e ci si poteva muovere liberamente. Poi abbiamo [Io e il mio ragazzo] seguito a distanza l’evolversi della situazione e il succedersi giorno dopo giorno degli avvenimenti.
Ogni mattina la prima cosa che facevamo era controllare il numero dei contagiati e dei morti in Italia e nel resto del mondo.

L'Ospite In Valigia: Giulia Tripandclean Deserto Outback Australia
Deserto Outback [Australia]

In Australia la situazione era ed è molto più tranquilla rispetto al nostro Paese. Il numero delle vittime, fortunatamente, limitato.
Eravamo lì quando il governo ha iniziato a prendere le prime misure anti-Covid e ha chiuso le frontiere.
A quel punto non potevamo più muoverci dal Queensland, stato in cui ci trovavamo. Da qualche giorno avevamo un van a noleggio ma con le nuove restrizioni la cosa migliore era fermarsi.
Anche i campeggi iniziavano a non accettare più turisti, quindi dopo averne trovato uno abbiamo deciso di rimanerci finché la situazione non sarebbe migliorata. Ma purtroppo non è andata così, siamo rimasti lì per più di 20 giorni quando poi abbiamo deciso che era arrivato il momento di ritornare a casa.
Non eravamo partiti per stare fermi giorni e giorni in un campeggio, seppur bellissimo, bensì per viaggiare, conoscere nuovi luoghi e persone.
Non era più possibile farlo quindi la decisione più ovvia è stata quella di ritornare in Italia.

Il nostro viaggio, se non ci fosse stata una pandemia di mezzo, sarebbe dovuto continuare in Nuova Zelanda, Isole Cook per poi recarci in Asia. Inutile dirvi l’enorme dispiacere di aver dovuto rinunciare a tutto questo ma non avevamo scelta.
Pensiamo e speriamo ci saranno altre possibilità per realizzare il nostro grande viaggio.
E noi non vediamo l’ora.

L'Ospite In Valigia: Giulia Tripandclean Great Otway National Park Australia
Great Otway National Park [Australia]

📌 Possiamo consigliarti altre letture?

Cominciano ad essere numerosi gli amici travel blogger che hanno deciso di raccontarsi e di raccontarci i loro viaggi!
Scopri la chiacchierata che abbiamo fatto con Nicoletta @ Senti Chi Viaggia!


Ultimo aggiornamento: 12 giugno 2020

Hai trovato utile questo racconto di viaggio?
➡️ Condividilo con i vostri amici!
➡️ Interagisci con noi lasciando un tuo commento!

Per rimanere sempre aggiornato vienici
a trovare su Instagram e su Twitter!

4 commenti

  • Giuseppe

    Ciao ragazzi, ho letto con estremo piacere la vostra intervista a Giulia di Trip&Clean e sono rimasto piacevolmente sorpreso di come fortunatamente ci sia ancora gente che prende a cuore le tematiche ambientali. Complimenti per il vostro blog. 😊

    • Daniele & Marilena

      Ciao! Grazie mille per essere passato dal nostro blog, per i complimenti e per aver lasciato un commento!
      Abbiamo volutamente intervistare Giulia perchè appoggiamo il suo modo di fare in favore dell’ambiente!
      In questa rubrica cerchiamo di dare spazio a chi ha qualcosa da raccontare di importante oppure a chi lo fa in maniera interessante!
      E Giulia ha tutte le caratteristiche!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *